Faq

TECHNOSTRESS

TECHNOSTRESS

Cos'è?

Dagli anni ’80 negli Stati Uniti si inizia ad affrontare il problema dell’impatto che le nuove tecnologie hanno sull’essere umano. Per technostress si intende l’effetto negativo che l’utilizzo massiccio ed indiscriminato degli strumenti hi tech (rete internet, smartphone, pc…) produce sul lavoratore sia dal punto di vista fisico che psicologico e cognitivo.
Considerando la velocità con cui la tecnologia si evolve, anche il concetto di technostress va inteso come in continua evoluzione. Oggi si riferisce soprattutto agli effetti stressogeni prodotti dal lavoro multitasking (cioè fare più cose diverse contemporaneamente ), dall’essere sempre “connessi” e dalla velocità di elaborazione delle informazioni che i prodotti hi tech impongono al lavoratore che li utilizza.

Contenuto a cura della dott.ssa Cecchini Raffella

Cosa si può fare?

La risposta principale ha a che fare con la presa di consapevolezza del nostro agire quotidiano lavorativo. Questo permette al lavoratore di gestire gli strumenti informatici senza farsene sopraffare. Più dettagliatamente il technostress si può contenere agendo su tre diversi livelli: la formazione all’utilizzo sano e proficuo dei prodotti informatici, la responsabilità del singolo lavoratore e l’organizzazione aziendale.

Contenuto a cura della dott.ssa Cecchini Raffella